giovedì 24 ottobre 2013

Virginia Cerdà dall'Argentina per onorare Jorge Bergoglio, Papa Francesco, suo compatriota




Dall'Argentina comincia da oggi una collaborazione con l'ISTITUTO EUROPEO Virginia Cerdà insegnante di lingua italiana, il suo primo articolo è dedicato a Jorge Bergoglio, papa Francesco, suo illustre compatriota

A motivo della celebrazione del giorno di San Francesco d'Assisi, il quattro ottobre, il nostro illustrissimo compatriota, Jorge Bergoglio, più conosciuto a livello mondiale come papa Francesco, ha riunito moltissima gente nella Basilica di San Francesco d'Assisi, nella città dello stesso nome, dove la basilica del santo francescano è uno dei luoghi più visitati, insieme alla chiesa di San Bernardino, la chiesa di San Pietro e il Museo Archeologico Nazionale dell'Umbria.
Assisi, nel cuore di una regione ricca di tanti paesini, dove il medioevo ha profuso quanto di meglio aveva della sua arte, cultura  e storia, è in una posizione privilegiata e deve il suo nome a Giovanni di Bernardoni, poi San Francesco, figlio di una famiglia ricca, ma non illustre, che nella prima giuventú ebbe una vita mondana, ma, dopo aver sofferto una grave malattia, cambiò, dedicandosi ad aiutare i poveri e gli ammalatti, rinunciando al lusso e alla ricchezza.
fondatore dell'ordine francescano, fu un uomo diverso, per il suo fortissimo fervore religioso, per la sua semplicità e la profondità con cui amò e rispettò tutte le creature. La povertá, l'amore e la sua compenetrazione in Cristo sono il messaggio più grande che ha lasciato al mondo. nel 1939, il papa Pio XII proclamo’ san Francesco patrono d'Italia.

La basilica di San Francesco è composta di due chiese, una sopra l'altra; la chiesa inferiore ha un bellissimo portale. La facciata è coperta  di marmi. l'interno è decorato con opere di Giovanni Cimabue, (celebre pittore, maestro di Giotto), opere di Giotto, Simone Martini e Lorenzetti. si tratta di una sola navata, con cappelle laterali, (San Martino, San Antonio, Santa Caterina, San Sebastiano). anche possiamo trovare opere come "la natività", "la fuga in Egitto", (di Giotto), "Santa Chiara" e "la Madonna in trono" (di Cimabue).
La chiesa superiore, ha una sola navata, di stile gotico, con importanti opere di giotto sulla vita del santo, (come "la predica agli uccelli" e "il miracolo della sorgente").  Si puó anche apprezzare le chiese di Santo Stefano, Santa Chiara, San Ruffino e Santa Maria degli Angeli.
Dopo aver letto la vita di San Francesco, non ci deve sembrare strano che la massima autorità della chiesa cattolica abbia preso il nome di Francesco al salire al soglio pontificio.

Nessun commento:

Posta un commento